Se leggi questo messaggio, il tuo programma "navigatore" non è standard !
sebbene questo sito sia accessibile con ogni programma, alcune funzionalità
sono visibili solo con "navigatori" che rispettano gli standards del consorzio "W3C" .

ENEA - divisione Fusione

Intestazione con i loghi ENEA, FUSIONE ed EURATOM


Vi trovate in: Home » Laboratori e Impianti » Fotolitografia

Laboratorio chimico-Fotolitografia

Contatti:

Dott. Ugo Besi Vetrella  - email: ugo.besivetrella@enea.it
tel. 0039 06 9400 5873- fax. 0039 06 9400 5393


Dott. Andrea Augieri - email: andrea.augieri@enea.it
tel. 0039 06 9400 5994 - fax. 0039 06 9400 5393
Cappa aspirante per l’evacuazione dei vapori chimiciCappa aspirante per
l’evacuazione dei vapori
chimici



Nella sezione Superconduttività è presente un laboratorio per il trattamento chimico dei campioni e per i processi di fotolitografia.
I trattamenti chimici vengono effettuati con l’ausilio di una cappa aspirante per l’evacuazione dei vapori, e comprendono l’utilizzo di sostanze come acetone, alcol isopropilico, metanolo, etanolo, cloruro ferrico, resist positivi e negativi, developers, bromo, acido solforico, e acido nitrico.Mediante un bagno ad ultrasuoni e un depuratore/deionizzatore d’acqua è possibile effettuare il lavaggio dei campioni mentre un hot plate permette di effettuare trattamenti termici in aria.

 

In questo laboratorio si realizza il processo di "patterning" dei film di materiale superconduttore mediante processi di fotolitografia e "wet etching".

Profilometro a stilo IQ-TencorProfilometro a stilo IQ-Tencor

I processi fotolitografici si effettuano per mezzo di un "mask aligner" a luce ultravioletta che permette l’esposizione controllata dei film superconduttivi precedentemente coperti da "resist"mediante uno "spinner" a velocità variabile. L’ambiente è costantemente tenuto in sovrapressione d’aria per evitare la formazione e la circolazione di pulviscolo che potrebbe inficiare la qualità dei processi fotolitografici. Inoltre l’illuminazione è garantita da lampade con spettro di emissione centrato sul giallo che non abbiano componenti nella regione dell’ultravioletto.
Mediante un profilometro a stilo è possibile eseguire misure di spessore e rugosità dei film sottili nonché controllare la qualità del processo di fotolitografia stimando le dimensioni delle geometrie ottenute mediante il processo di patterning.

Nel laboratorio è anche presente un microscopio ottico con illuminazione diretta o in trasmissione con ottiche per l’ingrandimento fino a 80x.