Se leggi questo messaggio, il tuo programma "navigatore" non Ŕ standard !
sebbene questo sito sia accessibile con ogni programma, alcune funzionalitÓ
sono visibili solo con "navigatori" che rispettano gli standards del consorzio "W3C" .

ENEA - divisione Fusione

Intestazione con i loghi ENEA, FUSIONE ed EURATOM

Vi trovate in: Home » AttivitÓ di Ricerca » Gestione FTU » Alimentazioni Elettriche » MFG3 » dettagli

FTU: MFG3: Static Starter

 

caratteristiche Avviatore Statico
Potenza massima 2200 kW
I DC 1500 A
VDC 1466 V
Tensione ingresso 1560 V
Tensione uscita 1400 V
Potenza Assorbita 3300 kVA
Campo di frequenza 0.5 ÷ 61.5 Hz

Con avviatore statico si intende quell'insieme di componenti ed apparecchiature che, unitamente all'apporto del sistema di eccitazione statico, riescono a generare la coppia motrice atta a portare il turbogruppo da 0 a 3600 rpm e a riportarla alla stessa velocità nominale dopo l'esperienza.

Nel funzionamento richiesto viene realizzato un campo di lavoro a coppia costante fino alla velocità base e un altro a potenza costante al di sopra.

La corrente alternata viene trasformata da un convertitore a tiristori, ponte "K", in corrente continua spianata dall'induttanza del circuito intermedio e, attraverso un altro convertitore a tiristori, ponte "Y", fornita come alternata a frequenza variabile all'avvolgimento statorico della macchina.

Il ponte "K" è un normale convertitore a commutazione naturale, mentre il ponte "Y" lo è solamente quando la macchina sincrona presenta ai suoi morsetti una tensione sufficientemente alta da consentire lo spegnimento dei tiristori.

La potenza reattiva necessaria è fornita dal sistema di eccitazione che regola la tensione di macchina.

Per tensioni e velocità del generatore basse, lo spegnimento del convertitore "Y" viene garantito dall'azzeramento della corrente attuato dal forzamento negativo del ponte raddrizzatore; questo funzionamento è definito regime pulsato.